Eventi e News

Bambini autistici e gatti più empatia e minori livelli di ansia

Bambini autistici e gatti: più empatia e minori livelli di ansia

L’attenzione visiva è un processo cognitivo fondamentale, che ricopre un ruolo primario nella vita sociale di molte specie, inclusa la nostra, ma è molto importante anche nel caso di interazioni intraspecifiche, come ad esempio tra esseri umani e animali. 

Secondo lo studio condotto dall’Università di Rennes, e recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Psychology, i modelli di attenzione visiva differiscono nelle interazioni cane-bambino e gatto-bambino, per via delle diverse peculiarità caratteriali di cani e gatti e di come si relazionano con l’essere umano.

La ricerca è stata condotta su campione di 42 bambini, di età compresa tra i 6 e i 12 anni, 23 dei quali con disturbi dello spettro autistico, osservati mentre interagivano con i propri animali domestici. Dallo studio è emerso che i bambini autistici hanno interazioni migliori con i gatti piuttosto che con i cani.
L’ipotesi è che ciò avvenga perché i gatti stabiliscono dei contatti visivi più discreti, mentre i cani, essendo per loro natura gregari e socievoli, tendono a scambiare sguardi più durevoli e invadenti.
Un gatto potrebbe quindi rivelarsi un compagno ideale per i bambini con disturbi dello spettro autistico, perché li aiuterebbe a sviluppare empatia e a ridurre i livelli di ansia.