Le shopper di Alimenta l’Amore, ora anche nei negozi Brico io

La solidarietà in una borsa – Rivista consumatori

I sentimenti non conoscono confine di specie: Alimenta l’Amore propone le nuove shopper il cui ricavato andrà a sostenere quattro progetti solidali.

Il progetto Alimenta l’Amore, attivo dal 2014, si estende sempre di più e grazie al contributo di ciascuno di voi è stato possibile raggiungere importanti traguardi. La raccolta di cibo permanente nei punti vendita in Lombardia, destinata agli animali in difficoltà, ha superato i 2 milioni di pasti. Ma questo non ci basta: grazie a una serie di attività parallele che abbiamo promosso in questi anni, in collaborazione con istituzioni ed esponenti della cultura e dello spettacolo, ci siamo  impegnati per far crescere la sensibilità nei confronti degli animali. Pensiamo che l’amore non conosca confini, neanche di specie, per questa ragione abbiamo realizzato due shopper nella versione cane e gatto, acquistabili a 2 euro in tutti i negozi della regione, il cui ricavato andrà a sostenere quattro diverse realtà: tre si occupano di bambini e una di animali. Conosciamole meglio.

La fondazione Soleterre da molti anni interviene nei Paesi più poveri per portare diagnosi e medicine, migliorare le condizioni di vita e di lavoro, favorire la partecipazione sociale e politica. Soleterre promuove il diritto alla salute assicurando le cure a chiunque e attraverso il suo impegno cerca di eliminare disuguaglianze e discriminazioni. In particolare si occupa di pediatria oncologica nei Paesi più disagiati. In Italia, in questo periodo la fondazione pone particolare attenzione a chi si trova in difficoltà a causa della pandemia. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità 6 europei su 10 sono colpiti dalla cosiddetta «pandemic fatigue», una condizione di stanchezza e sfinimento mentale dovuta alla mancanza di energie non fisiche ma psichiche che ha l’effetto di immobilizzare. È stato istituito un fondo nazionale per il supporto psicologico a cui hanno aderito oltre cinquecento psicologi. Dopo una prima fase di valutazione sintomatologica i pazienti vengono presi in carico da psicoterapeuti che risiedono nei loro territori.

La fondazione De Marchi è costituita da un gruppo di medici e genitori che ha sentito l’esigenza di dare un supporto assistenziale e psicologico «umano e a misura di bambino» con l’obiettivo finale della «normalizzazione» e di una buona qualità della vita. Presso la clinica pediatrica De Marchi del Policlinico di Milano sono state istituite borse di studio per medici e sono state acquistate apparecchiature che rendono più rapida la diagnosi. Grazie al miglioramento delle strutture e all’impiego di équipe di psicologi, assistenti sociali, animatrici ludiche, è possibile offrire un’assistenza completa ai piccoli pazienti.

Progetto Sorriso nel Mondo onlus è un’associazione internazionale impegnata nel trattamento e nella cura delle malformazioni cranio-facciali infantili, come la labiopalatoschisi, in Bangladesh e in Repubblica Democratica del Congo. L’associazione è formata da chirurghi, anestesisti e infermieri volontari che, ogni anno, portano aiuto e speranza ai bambini e alle loro famiglie prive di mezzi economici. Le malformazioni del viso colpiscono, in media, un bambino su mille, ma se nei Paesi ricchi vengono trattate a pochi mesi di vita, nei Paesi a basse risorse non vengono trattate adeguatamente e costituiscono motivo di emarginazione e, talvolta, di abbandono per i piccoli e per le loro madri. Dal 1997 a oggi, sono stati effettuati oltre 6.200 interventi e sono stati visitati e curati circa 14.500 pazienti, in prevalenza bambini.

APA, Action Project Animal, da anni è impegnata in operazioni di salvaguardia del benessere animale, in ambito nazionale e internazionale. In sud Italia si propone di contrastare il fenomeno del randagismo, attraverso campagne di sensibilizzazione e di sterilizzazione, in collaborazione con medici veterinari sul territorio.

Le borse sono state realizzate con resistenti materiali ecosostenibili, per la produzione è stato utilizzato fino al 70% di prodotto ottenuto dal riciclo di bottiglie in PET. La grafica colorata e accattivante le rende adatte non solo per fare la spesa, ma anche per le attività di tutti i giorni. Un piccolo aneddoto: i protagonisti ritratti non sono immagini di stock ma due amici di Alimenta l’Amore: Rosie il cane e Simba il gatto

Articolo di Silvia Amodio pubblicato sulla rivista Consumatori – edizione Lombardia di maggio 2021.